Vittoria M5S: il consiglio comunale approva la nostra mozione sui “contrassegni rosa”

“Meglio tardi che mai. Ed ora si passi dalle parole ai fatti. Si realizzi concretamente e subito la proposta del “contrassegno rosa”, il pass speciale per le future mamme in stato di gravidanza, che in aggiunta ai già esistenti “parcheggi rosa” permetterà loro di parcheggiare gratuitamente nelle strisce blu che come Movimento 5 stelle abbiamo presentato nel febbraio scorso (5 mesi fa!) e soltanto martedì è stata approvata dal consiglio comunale”.

Questo il commento di Daniele Vergini e Simone Benini, consiglieri comunali del Movimento 5 stelle di Forlì, alla via libera alla mozione che chiedeva l’istituzione del contrassegno speciale per le donne in stato di gravidanza o con prole neonatale.

“Considerato che la già attiva iniziativa delle “piazzole rosa riservate” nei parcheggi di via Oriani, via Manzoni e nell’interrato di viale Vittorio Veneto, è comunque da ritenersi positiva anche se gli spazi riservati possono risultare insufficienti e la distanza degli stessi dal centro storico è abbastanza elevata, sarebbe molto più pratica ed efficace l’assegnazione di un apposito contrassegno alle donne in stato di gravidanza o con prole di età inferiore ad un anno, aventi la residenza nel Comune di Forlì. Un pass che consenta al veicolo condotto dalla richiedente la possibilità di sosta in esenzione al pagamento del parcheggio e in deroga alla sosta regolamentata a tempo (disco orario), su tutti i parcheggi del Comune di Forlì”: nota il Movimento 5 stelle di Forlì.

In molte città d’Italia il Contrassegno Speciale Gravidanza è già una realtà con un permesso che intende agevolare la sosta, all’interno di aree segnalate da una cartellonistica verticale e da strisce rosa sull’asfalto, offrendo alle donne in stato di gravidanza e a mamme con neonati al seguito un’opportunità di parcheggio senza difficoltà nei luoghi da loro più frequentati e dove la sosta è problematica, nel rispetto della regolamentazione della zona in cui si parcheggia.

“Si tratta di un provvedimento che a Forlì interesserà un migliaio di neo mamme circa (numero totale di parti nel 2015 a Forlì 1.138, nel 2014 ben 1219 nascite, nel 2013 hanno visto la luce 1.327 bambini, 1.364 nel 2012, e 1.371 nel 2011) e che rappresenta un sostegno socio-economico che solleva almeno un po’ una delle categorie più a rischio (donne, mamme e soprattutto giovani) e duramente colpite dalla crisi. Il Comune di Forlì si attivi immediatamente per identificare le aree idonee e consentire l’utilizzo del “contrassegno rosa” già entro questo mese”: concludono i consiglieri comunali del Movimento 5 stelle di Forlì Daniele Vergini e Simone Benini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*