Botti di capodanno, il Sindaco Drei non mantiene la promessa: divieto solo in centro e non su tutto il territorio comunale come aveva promesso

no_botti“Qual è la sensibilità ambientalista e animalista del sindaco di Forlì? Perché non si è uniformato ai tanti Comuni anche a guida Pd che quest’anno, per una serie di motivi, incluso quello del pericolo terrorismo, hanno vietato l’utilizzo di materiale esplodente, botti, petardi e fuochi artificiali per il Capodanno e le feste fino all’Epifania? E soprattutto perché Davide Drei non ha mantenuto la promessa di disporre un divieto valido su tutto il territorio comunale contro i botti, anziché limitarlo al centro storico?”. A porre queste domande i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Forlì Daniele Vergini e Simone Benini.

All’origine della diatriba l’ordinanza “anti-botti” di Capodanno.

“Il sindaco s’è mosso tardi e soltanto dopo nostra sollecitazione. Come era accaduto gli anni scorsi. L’ordinanza è stata emessa solo il 29 dicembre verso sera ed il divieto coprirà solo poche ore: dalle 16:00 del 31 dicembre alle 20:00 del 1° gennaio. Ma il fatto più grave è che pur avendo il sindaco promesso in consiglio comunale che quest’anno avrebbe coperto tutto il territorio comunale ha disatteso palesemente questo proposito vietando i botti soltanto in centro storico (nell’area compresa all’interno dei viali e delle porte di circonvallazione), ignorando altre aree dove sono presenti molti animali, sia domestici che selvatici, come il canile, il parco urbano e l’area dove è attendato il circo”: insistono i due “pentastellati”.

Benini e Vergini segnalano, infine, anche il “silenzio assordante” dell’assessore con delega al “benessere animale” Sara Samorì che non è intervenuta né durante il consiglio comunale ne pubblicamente sull’argomento, mentre è noto a tutti che l’uso di petardi e fuochi artificiali a Capodanno mette a rischio non soltanto la nostra incolumità, ma soprattutto sono spesso causa di morte, ferimenti e traumi per animali domestici e selvatici. A questo punto, vista l’insensibilità dimostrata anche quest’anno dal sindaco Drei sarebbe certamente più serio eliminare la delega in giunta al benessere animale e rinunciare ad ogni tipo di propaganda elettorale in difesa dei nostri ‘amici’ a quattro zampe. Su questo tema il Pd forlivese non è assolutamente credibile”: concludono Vergini e Benini.

 

La Giunta Drei non ama gli animali: ordinanza contro i botti poco coraggiosa e peggiore dell’anno scorso

Anche quest’anno, su sollecito del M5S di Forlì, la Giunta comunale del sindaco Drei appronta in fretta e furia , quasi alla vigilia del Natale, un’ordinanza contro i botti. Ma è un provvedimento che i “pentastellati” contestano duramente.
“Constatiamo che, purtroppo, invece di migliorare queste amministrazioni del Pd di anno in anno peggiorano sempre di più il loro operato. Nel merito, l’area dove vigerà il divieto non è infatti stata ampliata come avevamo richiesto ma è stata addirittura ulteriormente ridotta solo a specifiche piazze/vie del centro storico. Mentre almeno l’anno scorso il divieto era stato fatto valere su tutto il centro storico. Inalterata la sanzione, molto leggera, e anche la durata: solo poche ore, dalle 16:00 del 31/12 alle 20:00 dell’1/1… A nostro parere è una misura insufficiente!”: scrivono in una nota i consiglieri comunali del M5S Simone Benini e Daniele Vergini.
“Un’altra disposizione da noi richiesta che invece è stata clamorosamente ignorata è stata la necessità di estendere il divieto di botti anche la festa di Halloween. Un atto amministrativo miope, visto che tutti i parchi e giardini pubblici forlivesi, dove solitamente trovano rifugio la maggior parte degli animali spaventati dal rumore dei petardi, non sono nemmeno stati presi in considerazione dall’ordinanza comunale. Lasciando così la facoltà ai “novelli pirotecnici” di lanciare petardi e fuochi d’artificio anche in luoghi realmente pericolosi non soltanto per gli animali, ma anche per la collettività, che si possono trovare anche a ridosso della maggiori arterie viarie cittadine verso le quali potrebbe fuggire la fauna spaventata dai botti delle feste”: si lamentano Simone Benini e Daniele Vergini.
“Lo stesso ex sindaco Balzani nel 2013, suo ultimo anno di mandato, aveva promulgato un’ordinanza più restrittiva che prevedeva il divieto in tutte le strade e piazze fiancheggiate da edifici e in parchi e giardini pubblici dal 23 dicembre fino all’Epifania compresa, al contrario l’attuale sindaco Drei conferma il trend negativo di una giunta sempre più insensibile alla volontà dei cittadini e al benessere dei nostri amici animali, domestici e selvatici”: conclude il comunicato dei consiglieri comunali del M5S di Forlì.

Tabella di confronto fra le ordinanze degli ultimi 3 anni

Ordinanza

Sanzione

Durata

Area

Drei 2015
scarica testo

da 25 a 500 euro

dalle 16:00 del 31/12 alle 20:00 dell’1/1

solo le principali vie/piazze del centro storico

Drei 2014
scarica testo

da 25 a 500 euro

dalle 16:00 del 31/12 alle 20:00 dell’1/1

area compresa all’interno dei Viali e delle Porte di Circonvallazione

Balzani 2013
scarica testo

da 25 a 500 euro

dal 23/12 al 6/1

tutte le strade e piazze fiancheggiate da edifici e in parchi e giardini pubblici

 

Festeggiamo in maniera più responsabile e rispettiamo il benessere dei nostri amici animali: no ai botti!

lipu_no_bottiAnche quest’anno il Movimento 5 stelle di Forlì sollecita un’ordinanza comunale che vieti i botti a Capodanno non solo in centro ma su tutto il territorio cittadino. A chiederlo sono i consiglieri comunali M5S Daniele Vergini e Simone Benini che, ricordando come l’uso indiscriminato dei petardi, oltre ai possibili pericoli per le persone, può mettere a repentaglio la vita degli animali, auspica che questa restrizione possa non essere limitata al solo capodanno ma estendersi a tutto il periodo festivo ed anche ad altre feste durante l’anno, in particolare a quella di Halloween. “E’ di poche settimane fa la notizia che a Cesena, a causa del frastuono prodotto dai botti sparati proprio durante Halloween, due cani sono fuggiti di casa e impazziti di paura hanno trovato la morte sui binari a pochi metri di distanza l’uno dall’altro. Chiediamo al Sindaco un suo impegno diretto su questo tema: è necessario un deciso stop ai botti durante i periodi festivi, con sanzioni in grado di fungere da deterrente reale ed una adeguata pubblicizzazione preventiva delle regole alla cittadinanza”: affermano i pentastellati. “Ricordiamo che l’AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente) ha stimato che degli almeno 5000 animali che perdono la vita ogni anno in incidenti legati ai botti, almeno 500 sono cani e gatti domestici che, dotati di un apparato uditivo molto più sensibile del nostro, per lo spavento generato dai forti rumori, possono essere indotti anche a gettarsi nel vuoto per esempio dai terrazzi, a strozzarsi nel tentativo di divincolarsi dalla catena, a scavalcare recinzioni e fuggire in strada mettendo seriamente a repentaglio la propria incolumità e quella degli altri”, concludono Daniele Vergini e Simone Benini.

PS: segnaliamo poi lo speciale “banchetto natalizio” organizzato dal M5S Forlì nelle giornate del 19 e 20 dicembre in piazza Saffi dalle 10:00 alle 19:30; sarà l’occasione oltre che per scambiarci gli auguri anche per firmare la nostra petizione in 10 punti per la sicurezza della città. Ripeteremo infine la nostra iniziativa dell’anno scorso: “scambiamoci emozioni ed idee, regaliamoci un libro per natale”: distribuiremo gratuitamente a tutti i libri che sono stato donati dai nostri simpatizzanti!

 

Il M5S di Forlì contro i botti di fine anno. Chiesto al sindaco di firmare ordinanza per la prevenzione dei rischi

Il Movimento 5 stelle di Forlì interroga il Sindaco per sapere se non sia il caso di vietare i botti ed i petardi di Capodanno su tutto il territorio comunale invitandolo a varare un’apposita ordinanza con tanto di pene adeguate alla pubblica incolumità che viene messa a rischio a causa di questo malcostume.

L’ordinanza – spiega il M5S in una nota – è opportuna per prevenire i rischi che derivano dall’impiego di botti e petardi ed anche per tutelare il benessere dei nostri amici animali che, nell’ultimo giorno dell’anno, vivono un vero incubo: molti scappano di casa e altri non reggono allo spavento e rimangono traumatizzati sino alla morte per il terrore provocato dalle esplosioni.

Questi giochi pirotecnici, spesso illegali e venduti sottobanco, fanno in Italia vittime da bollettino di guerra, centinaia di feriti ed anche morti (2 nel 2013).

Il problema è più grave di quanto si pensi in quanto arrivano dalla Cina nuovi “botti” sempre più potenti e pericolosi che potrebbero trasformarsi in arma soprattutto in mano a minori.

Il M5S chiede il bando dei petardi su tutto il territorio comunale di Forlì e lo fa per voce dei due consiglieri comunali Daniele Vergini e Simone Benini che presenteranno al sindaco Drei un question time chiedendo se non sia il caso di porre un freno all’innegabile disturbo alla quiete pubblica e alla intrinseca pericolosità dei petardi.

“L’anno scorso l’allora sindaco Balzani aveva emesso un’apposita ordinanza che vietava l’uso, in strade, piazze, parchi e luoghi pubblici, di prodotti pirotecnici, ma la sanzione prevista era davvero minima: 50 euro. Chiediamo che il sindaco Drei si attivi per confermare l’ordinanza e, soprattutto, inasprisca le sanzioni amministrative che in altri Comuni anche a noi vicini (come a Castrocaro) erano state portate fino a 500 euro, con la confisca dei prodotti pirotecnici e, nei casi più gravi, con la denuncia alla competente autorità giudiziaria”.

MoVimento 5 Stelle Forlì

< ![if !IE]>< ![endif]>