Il Garante regionale dei detenuti conferma tutti i nostri rilievi sul carcere, urgente terminare i lavori sulla nuova struttura e istituire il garante locale

detenutiIl Garante dei detenuti regionale Marcello Marighelli nella sua relazione annuale ha evidenziato per il carcere di Forlì la necessità di “interventi importanti di manutenzione straordinaria”, oltre che la “mancanza di una adeguata programmazione della manutenzione ordinaria”, oltre a “carenze di organico nel personale di custodia, ma ancor di più nel personale educativo e amministrativo”.

“Si tratta degli stessi, gravi, problemi che erano stati riscontrati di persona dai nostri portavoce Giulia Sarti (parlamentare) e Andrea Bertani (consigliere regionale) che avevano ispezionato su nostra richiesta la struttura già nel marzo 2017” si legge in una nota a firma di Daniele Vergini e Simone Benini, consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Forlì. “Mentre le altre forze politiche si “svegliano” solo ora che si avvicina la campagna elettorale, noi già da tempo avevamo puntato i riflettori sulla grave situazione del nostro carcere a seguito delle segnalazioni dei cittadini”.

“In quella occasione avevamo chiesto di istituire anche a Forlì il garante dei detenuti locale, presente in quasi tutte le città che ospitano un carcere, ma il Pd, dopo aver rinviato per 7 mesi la nostra proposta con la scusa di approfondimenti, facendoci intendere che era d’accordo sulla sostanza, alla fine la bocciò, adducendo motivazioni risibili come l’improvvisa esistenza di una loro mozione più dettagliata, in realtà mai vista e non presente all’ordine del giorno, che fu approvata qualche mese più tardi. Da allora però nulla è stato fatto, nessun garante è stato istituito e come al solito le promesse del Pd sono restate tristemente sulla carta, speriamo che almeno dopo l’allarme del garante regionale comprendano l’importanza di avere al più presto un riferimento anche locale”, attaccano i pentastellati.

“I problemi strutturali dell’attuale carcere rendono ancora più urgente la necessità di terminare il nuovo, il cui cantiere pare invece fermo da tempo nonostante le rassicurazioni di vari parlamentari locali del Pd. Ci faremo quindi portavoce, tramite il nostro sottosegretario alla giustizia Vittorio Ferraresi, recentemente nominato, per velocizzare al massimo la realizzazione del nuovo carcere, e per avere date certe. Il trasferimento dei detenuti nella nuova struttura sarebbe una soluzione a gran parte dei problemi riscontrati nella vecchia, e darebbe loro anche maggiori possibilità di riabilitazione sociale. Inoltre la Rocca di Ravaldino, conosciuta come la “Rocca di Caterina Sforza”, una volta “liberata” potrebbe finalmente essere valorizzata a pieno e diventare un punto attrattivo storico/culturale della città”, concludono i pentastellati.

 

Il Pd boccia l’istituzione del garante dei detenuti a Forlì

“In quasi tutti i comuni che ospitano sul proprio territorio carceri o case circondariali è presente un garante dei diritti delle persone private della libertà personale, questa figura è presente ad esempio a Rimini ma non a Forlì. Nonostante sia presente un garante regionale, sicuramente sarebbe auspicabile avere un riferimento più vicino alle carceri locali, una lacuna che avevamo pensato di colmare ben 7 mesi fa, proponendo con una nostra mozione la sua istituzione. L’esigenza si era manifestata a seguito della visita ispettiva effettuata al carcere di Forlì da parte della portavoce alla Camera dei Deputati Giulia Sarti e del portavoce in Consiglio Regionale Andrea Bertani”, si legge in una nota di Simone Benini e Daniele Vergini, Consiglieri Comunali del Movimento 5 Stelle di Forlì.

“I problemi rilevati dai nostri portavoce, oltre al consueto sovraffollamento, erano sia strutturali: un edificio fatiscente con necessità di grandi opere di risanamento e ristrutturazione, sia di risorse umane con la mancanza di organico per attuare le politiche di recupero dei detenuti e favorire il loro reinserimento nella società, evitando che ritornino alla criminalità. Ci sono inoltre pervenute numerose segnalazioni da vari genitori e parenti di detenuti, tali da rendere non solo auspicabile ma anche urgente l’istituzione di un garante anche locale”, spiegano i pentastellati.

“Nello scorso consiglio comunale abbiamo dovuto però assistere al consueto ‘siparietto’ dove la maggioranza, dopo aver rinviato per 7 mesi la nostra proposta con la scusa di approfondimenti, facendoci intendere che era d’accordo sulla sostanza, alla fine l’ha bocciata, adducendo motivazioni risibili come l’improvvisa esistenza di una loro mozione più dettagliata, in realtà mai vista e non presente all’ordine del giorno”.

“Restiamo ogni volta sempre più stupefatti del comportamento di questa maggioranza, composta da ben 20 consiglieri che non si comprende bene quale ruolo svolgano se non quello di ostacolare ogni buona idea presentata dal Movimento 5 Stelle. Di certo, semmai verrà istituito in futuro un garante dei detenuti, è giusto che i cittadini sappiano che è avvenuto unicamente grazie alla nostra sensibilità”, attaccano Vergini e Benini.

“Nella stessa seduta consiliare è stata bocciata anche la nostra mozione che proponeva di destinare le cifre incassate dalla restituzione dei gettoni indebitamente erogati ad un fondo per la spesa corrente delle scuole. E’ l’ennesimo esempio di come questa maggioranza non si smentisca mai!”, concludono i consiglieri 5 Stelle.

 

Visita ispettiva a sorpresa del M5S al carcere di Forlì: “Problemi strutturali e di organico. Basta rassicurazioni e rinvii, si diano scadenze certe per il nuovo carcere”

Si è tenuta questa mattina, alle ore 10:30, una visita ispettiva al carcere di Forlì della portavoce alla Camera dei Deputati Giulia Sarti e del portavoce in Consiglio Regionale Andrea Bertani, attesi all’uscita dai portavoce Comunali di Forlì Benini e Vergini.

“Abbiamo chiesto ai nostri portavoce in Parlamento una visita ispettiva, come prerogativa dei parlamentari, poiché ci sono stati segnalati numerosi problemi che purtroppo affliggono il nostro carcere, in aggiunta alle già note vicende che hanno coinvolto la struttura negli ultimi mesi: un agente di polizia penitenziaria – in servizio presso il carcere – arrestato per detenzione di cocaina ai fini di spaccio, e la denuncia per truffa ai danni dello Stato per timbrature fasulle a due medici “furbetti del cartellino” in servizio presso l’infermeria”, raccontano Benini e Vergini.

“Oltre a tutto questo erano emerse altre segnalazioni, sia strutturali che organizzative: mancanza di acqua calda, cibo scadente e non idoneo ai fabbisogni dei carcerati (non è previsto cibo diversificato per chi soffre di intolleranze o di patologie più o meno gravi), situazioni di disagio per i visitatori, soprattutto nei periodi invernali, nonché l’ormai annoso problema dei “sovraffollamenti”.”, sintetizzano Benini e Vergini.

“D’inverno la sala d’attesa è lasciata senza riscaldamento e talmente fredda che si fatica ad aspettare il turno per entrare a visitare il detenuto, oltretutto, dopo le perquisizioni, ci si deve togliere l’abbigliamento pesante e quindi il freddo è ancora più pungente. I servizi igienici sono fatiscenti, non c’è una palestra, i detenuti non sanno come passare il tempo, c’è umidità nella struttura, poca acqua calda e non sufficiente per tutti. Oltre a tutto questo, con la motivazione del poco personale a disposizione, verrebbero anche costantemente rinviate le richieste di permesso e gli altri benefici penitenziari, con istanze in attesa anche oltre un anno perché non vengono fissate le camere di consiglio che dovrebbero decidere se i detenuti possano lavorare fuori dal carcere e quindi incominciare un percorso riabilitativo”, raccontano Benini e Vergini, riportando alcuni spezzoni delle segnalazioni ricevute.

“Dalla visita ispettiva è emerso che la struttura ha effettivamente problemi di manutenzione e infiltrazioni. Alcuni dei lavori di ristrutturazione erano sospesi per via del promesso e mancato trasferimento al nuovo carcere o per mancanza di fondi. Ad esempio la palestra, tuttora inagibile, sarà presto rimessa in funzione dopo i lavori effettuati dagli stessi detenuti.
Sono disponibili vari laboratori di lavoro interni con spazi adeguati ma purtroppo riservati a pochi soggetti.
Non abbiamo rilevato problemi di sovraffollamento, tuttavia qui c’è l’unica sezione femminile della Romagna, attualmente 21 detenute su un totale di 122, ed ogni nuovo ingresso può creare difficoltà di spazi adeguati. A dicembre è cambiato il magistrato di sorveglianza e si spera che le istanze dei detenuti vengano evase con maggiore celerità. Presenteremo interrogazioni in Parlamento e in Regione per evidenziare quanto emerso e sollecitare questo inaccettabile ritardo sui lavori del nuovo carcere” dichiarano Sarti e Bertani.

“La situazione è paradossale e la Politica, quella con la P maiuscola, dovrebbe prendere decisioni importanti: la Rocca di Ravaldino, conosciuta come la “Rocca di Caterina Sforza”, la “leonessa di Romagna”, potrebbe diventare un punto attrattivo storico/culturale della città, ma necessita di ristrutturazioni, di cure e di rivitalizzazione. Purtroppo, come sappiamo, ciò potrà avvenire solo a seguito della costruzione del nuovo carcere, il cui cantiere invece è ormai fermo da tempo nonostante le rassicurazioni di vari parlamentari locali del Pd. Per questo, chiediamo attraverso i nostri Portavoce in Parlamento, di sollecitare il Ministero ad attivarsi per velocizzare al massimo la realizzazione del nuovo carcere, e per avere date certe, il trasferimento dei detenuti nella nuova struttura sarebbe anche una soluzione a gran parte dei problemi riscontrati e darebbe loro maggiori possibilità di riabilitazione sociale”, concludono i Portavoce Comunali di Forlì Benini e Vergini.