Rifiuti pericolosi a S. Lorenzo in Noceto: il Comune agisca in fretta per limitare ulteriori danni con una denuncia in Procura e l’insinuazione nel fallimento

gruppo-eco-sede-caldaNella memoria dei forlivesi è rimasto ben impresso il caso “fangopoli” del 2005 con fanghi tossici sparsi nelle nostre campagne… una ventina di arresti ma poche condanne: gli imprenditori della ditta Laghi di S. Lorenzo in Noceto che patteggiarono pene fino a quattro anni e l’ex dirigente della Provincia Tolmino Giunchi che prese mazzette per 210 milioni di lire e patteggiò 2 anni. Ombre del passato che però ritornano ora attuali con il fallimento dell’azienda Ecotecnica sempre di S. Lorenzo in Noceto, il cui sito di stoccaggio fanghi, distante poche decine di metri dal fiume Rabbi, col fallimento dell’azienda sarebbe stato di colpo abbandonato, ma conterrebbe ancora almeno 480 tonnellate di rifiuti pericolosi stoccati principalmente in vasche. L’allarme, lanciato dal comitato di quartiere, sarebbe l’evoluzione di una vicenda ben nota all’Amministrazione almeno dal marzo 2017, nel novembre dello stesso anno Arpae dopo aver rilevato 20 tonnellate di amianto non in sicurezza dispose addirittura una sospensione all’ingresso di nuovi rifiuti nel sito, nel luglio 2018 il fallimento dell’azienda che risulta ora di fatto abbandonata, con grande preoccupazione dei cittadini.

“Sarebbe gioco facile polemizzare sui mancati controlli, ma ora ci teniamo a dire per prima cosa che cittadini non devono essere lasciati soli e le istituzioni devono agire in fretta per limitare ulteriori danni e trovare soluzioni”, sono le parole a caldo del consigliere comunale Daniele Vergini del Movimento 5 Stelle di Forlì presente ad una serata informativa molto partecipata dove il comitato di quartiere ha esternato le preoccupazioni della cittadinanza. “Rispetto al passato esistono ora più mezzi per difendere la salute dei cittadini, infatti dal 2015 esiste una legge contro gli “eco-reati” con pene fino a 15 anni, voluta dal M5S ed in particolare dal nostro deputato Salvatore Micillo, ora sottosegretario all’Ambiente – spiega Vergini – il primo passo da fare, come ci hanno consigliato anche i nostri parlamentari da noi subito interessati, è quello di fare denuncia depositando un esposto sull’accaduto, questo possono e dovrebbero certamente farlo i cittadini di S. Lorenzo, ma ancor più importante sarebbe che lo facesse, a tutela di tutti, il Comune di Forlì che ha mezzi sicuramente superiori e soprattutto informazioni più dettagliate. Di certo questo farebbe un Comune a 5 Stelle. A seguito degli esposti la Magistratura potrebbe sequestrare il sito o dare precise disposizioni al curatore fallimentare per bonificare l’area”.

“Inoltre chiediamo all’Amministrazione anche di valutare seriamente con l’avvocatura la possibilità di aprire un contenzioso a latere della procedura fallimentare che, se accolto, li farebbe diventare creditori del fallimento dando loro modo di insinuarsi nello stesso. Il fine è ovviamente, se messi alle strette, di realizzare le necessarie bonifiche direttamente a carico del Comune per poi rivalersi sull’azienda nel fallimento”, continua il pentastellato.

“Infine ci teniamo a precisare un’ultima cosa: speriamo vivamente che questa vicenda ponga la parola fine al sito di stoccaggio di S. Lorenzo, che tanti problemi ha generato alla cittadinanza locale, ubicato in una zona teoricamente non utilizzabile per deposito di rifiuti speciali, ma autorizzato in deroga per continuità dell’attività di una azienda già in essere. Ora sembra che si sia arrivati al capolinea col fallimento dell’azienda, ma invitiamo tutti a vigilare con la massima attenzione perchè nei documenti ufficiali di Arpae si legge che “Ecotecnica Srl ha in corso un procedimento di voltura dell’AIA ad altra ditta”, di sicuro però i cittadini ne hanno abbastanza di furberie… speriamo quindi vivamente che si arrivi ad uno stop definitivo, una volta per tutte!”, conclude il consigliere Vergini.

AGGIORNAMENTO:
Volevamo evitare di fare polemica sulla vicenda, ma abbiamo appena appreso che il sindaco Drei, responsabile della salute dei cittadini, ieri sera invece di partecipare al comitato di quartiere dove si parlava di possibili danni ambientali a S. Lorenzo in Noceto ha preferito partecipare alla presentazione della prossima mostra del S. Domenico a Milano Marittima! sembra quasi uno scherzo… ma è lui stesso a ricordarcelo con un post su Facebook!!! E’ inaccettabile! Un sindaco dovrebbe dare priorità alla salute dei cittadini!
drei milano marittima

Il video integrale della serata informativa organizzata dal comitato di quartiere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*