Resoconto Consiglio Comunale n°86 del 11 luglio 2017

Ordine del giorno e proposte di delibera
Principali voti ed interventi del M5S nel Consiglio Comunale in ordine cronologico

INTERROGAZIONE “QUESTION TIME” SU PRIVATIZZAZIONE FARMACIE COMUNALI [scarica testo]
la risposta è stata parzialmente soddisfacente

è intervenuto il consigliere Daniele Vergini

DELIBERA SU REGOLAMENTO ARTISTI DI STRADA
(bocciato nostro emendamento per far esibire gli artisti in tutta la città)
voto M5S in consiglio: favorevole
esito: approvata

sono intervenuti i consiglieri Daniele Vergini e Simone Benini

MOZIONE M5S RIMOZIONE E MAPPATURA AMIANTO [scarica testo]
voto M5S in consiglio: favorevole
esito: respinta

sono intervenuti i consiglieri Daniele Vergini e Simone Benini

Si ringrazia Roberto Quarneti per le riprese video

 

Resoconto Consiglio Comunale n°85 del 27 giugno 2017

Ordine del giorno e proposte di delibera
Principali voti ed interventi del M5S nel Consiglio Comunale in ordine cronologico

INTERROGAZIONE “QUESTION TIME” SU GUASTO AI SERVER COMUNALI [scarica testo]
la risposta è stata non soddisfacente

è intervenuto il consigliere Daniele Vergini

DELIBERA SU ESTERNALIZZAZIONE GESTIONE TEATRO DIEGO FABBRI
voto M5S in consiglio: contrario
esito: approvata

Si ringrazia Roberto Quarneti per le riprese video

 

Accettata la nostra proposta di realizzare un regolamento per la tutela del benessere animale. Ma riguardo ai conigli del parco urbano ancora nulla di concreto. Assessore Samorì inadeguata al ruolo

“Nell’ultima seduta del consiglio comunale è stata finalmente discussa e approvata, anche se solo in parte, la nostra mozione che impegna la giunta a realizzare un Regolamento per la tutela del benessere animale e loro convivenza con i cittadini”: a darne notizia i consiglieri comunali Daniele Vergini e Simone Benini del Movimento 5 Stelle di Forlì, che però precisano: “A differenza della maggior parte dei comuni capoluogo il nostro è inspiegabilmente carente dal punto di vista regolamentare in questo ambito, indice della scarsa considerazione che questa giunta ha sempre avuto del benessere animale, tema che al contrario sta a cuore a molti forlivesi.”

I pentastellati si dicono “soddisfatti” che sia stata accolta la prima parte della loro proposta ma spiegano di considerarsi anche “un po’ delusi” che sia stata invece cassata la seconda parte della mozione che chiedeva di rimuovere i divieti indiscriminati di accesso dei cani, anche se condotti al guinzaglio, nelle principali aree verdi del comune, incluso il Parco Urbano.

“Tale decisione è inspiegabile anche alla luce di recenti dispositivi giurisprudenziali che hanno annullato ordinanze, come quelle in vigore a forlì, che impongono una eccessiva limitazione della libertà di circolazione delle persone e dei loro animali. La logica di queste sentenze è che non è consentito imporre divieti totali (i cittadini hanno il diritto di essere accompagnati ovunque dai propri animali d’affezione) ma, al contrario, è necessario partire da una generale libertà di accesso, accompagnata da rare e motivate eccezioni. Si tratta comunque di un piccolo risultato positivo, e quando il nuovo regolamento approderà in commissione non mancheremo di apportare il nostro contributo con proposte migliorative”: dichiarano Vergini e Benini.

Quanto all’ormai nota vicenda dei conigli del Parco urbano il M5S di Forlì denuncia: “il protrarsi dell’inerzia dell’Amministrazione comunale”.

“L’assessore Samorì in risposta ad una nostra interrogazione, ha infatti preso nuovamente tempo, dichiarando che il vincolo sanitario non sarebbe ancora stato revocato e di essere ancora in attesa di ottenere le valutazioni dell’AUSL veterinaria. Al contrario da documenti ufficiali in nostro possesso che rendiamo pubblici possiamo affermare che l’AUSL, visto l’esito degli esami che dimostrano l’assenza della malattia, abbia già chiesto al Comune di rimuovere l’ordinanza che indica il parco urbano come zona infetta da mixomatosi. L’assessore quindi mente o non conosce nemmeno lo stato delle cose”: attaccano Vergini e Benini.

Il Movimento 5 Stelle di Forlì coglie la palla al balzo per lanciare un appello ai cittadini forlivesi e lanciare un “mail bombing” al Comune per chiedere l’immediata revoca dell’ordinanza e le dimissioni dell’assessore Samorì.

“La gestione della colonia dei conigli del parco è stata a dir poco scellerata, questa Amministrazione non è mai voluta intervenire in modo concreto, operativo e soprattutto risolutivo, è francamente intollerabile la mancata realizzazione dopo tanti anni di un piano di gestione dei conigli, con le dovute sterilizzazioni e vaccinazioni secondo metodi etici ed ecologici. Ma soprattutto, ora che abbiamo certezza dell’assenza di mixomatosi, ed è quindi possibile portare conigli fuori dal parco, è assolutamente necessario non aspettare oltre e prevedere un programma di affidi, appoggiandosi alle numerose associazioni animaliste che forniscono in modo gratuito un supporto competente e specializzato”, concludono i consiglieri 5 Stelle.

Il Movimento 5 Stelle Forlì annuncia infine che parteciperà con una propria delegazione al corteo indetto da META ed altre sigle animaliste previsto per sabato 17 giugno contro l’abbattimento degli animali del Parco urbano di Forlì, l’appuntamento è per le ore 11 al parcheggio dell’argine, fronte via Lazio, per poi arrivare fino a piazza Saffi.

ISTRUZIONI PER IL “MAIL BOMBING”

Invitiamo tutti i cittadini ad inviare una richiesta scritta via email al Comune
le email a cui scrivere sono sindaco@comune.forli.fc.it assessora.samori@comune.forli.fc.it roberto.mini@comune.forli.fc.it
e per chi ha la PEC anche all’indirizzo comune.forli@pec.comune.forli.fc.it

il messaggio suggerito è il seguente, inserendo il vostro nome e cognome in fondo

Vista la lettera inviata dall’AUSL Romagna al Comune di Forlì (Prot. 2017/0110149/P del 23/5/2017) che propone la revoca dell’ordinanza sindacale sulla mixomatosi dei conigli del parco urbano a seguito dell’esito negativo degli esami ematici, nella mia qualità di cittadino, chiedo la sua immediata applicazione e l’avvio di una campagna di affido degli animali. Chiedo inoltre di sapere perché non sia stato ancora applicato quanto suggerito dall’AUSL e per quale motivo l’assessore Samorì abbia mentito nel Consiglio Comunale del 13/6/2017 affermando che si stava ancora aspettando una presa di posizione dell’AUSL in merito. Chiedo le dimissioni dell’Assessore Samorì o il suo esonero da parte del Sindaco dalla delega al benessere animale. Chiedo di ricevere risposta scritta, indicante, tra l’altro, il numero di protocollo di questa mia richiesta e il nome del funzionario responsabile del procedimento ai sensi della legge 241 del 1990.

Distinti saluti

AGGIORNAMENTO DEL 16 GIUGNO:
grazie al contributo di tutti voi il mail bombing ha dato il suo primo risultato! Ci è stato segnalato che oggi i cartelli sulla mixomatosi sono stati rimossi e abbiamo ricevuto una comunicazione dal responsabile comunale che ci conferma che l’ordinanza sarà rimossa a giorni. E’ stato inoltre fissato per l’8 luglio un tavolo tecnico di confronto con le associazioni, per il quale verranno diramati la prossima settimana gli inviti a tutte le associazioni che ne hanno fatto richiesta o che la faranno in tempi brevi!

 

Resoconto Consiglio Comunale n°84 del 13 giugno 2017

Ordine del giorno e proposte di delibera
Principali voti ed interventi del M5S nel Consiglio Comunale in ordine cronologico

INTERROGAZIONE “QUESTION TIME” SUL TRAFFICO “SELVAGGIO” NEI PRESSI DELLA SCUOLA DIEGO FABBRI [scarica testo]
la risposta è stata non soddisfacente

è intervenuto il consigliere Daniele Vergini

INTERROGAZIONE “QUESTION TIME” SULLA INCURIA NELLA GESTIONE DEL VERDE PUBBLICO [scarica testo]
la risposta è stata non soddisfacente


DELIBERA SUL REGOLAMENTO PER L’ACCESSO AGLI ATTI E L’ARCHIVIO COMUNALE
voto M5S in consiglio: contrario
esito: approvata

è intervenuto il consigliere Daniele Vergini

DELIBERA SU VARIAZIONE DI BILANCIO
voto M5S in consiglio: non abbiamo partecipato alla votazione
esito: approvata

è intervenuto il consigliere Simone Benini

INTERROGAZIONE “QUESTION TIME” SUL PIANO DI GESTIONE DEI CONIGLI DEL PARCO URBANO [scarica testo]
la risposta è stata non soddisfacente

MOZIONE M5S SULLA CREAZIONE DI UN REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI E SULLA RIMOZIONE DEI DIVIETI DI ACCESSO DEI CANI AI PARCHI [scarica testo]
voto M5S in consiglio: favorevole
esito: approvata (solo il “punto 1” relativo al regolamento, non la rimozione dei divieto di accesso ai cani)

Si ringrazia Roberto Quarneti per le riprese video

 

I comitati di quartiere non agiscano da “sentinelle dei partiti” ma siano più responsabili nei confronti delle esigenze del proprio territorio

Malmissole“I comitati di quartiere sono veramente neutrali? Questa è stata la prima domanda che ci siamo fatti come Consiglieri comunali dopo aver letto il comunicato (non firmato) inviato a nome del “Coordinamento dei 14 Quartieri Area Nord” che esprime un sostegno incondizionato al comitato di quartiere di Malmissole”, si legge in una nota firmata dai Consiglieri Comunali Daniele Vergini e Simone Benini del Movimento 5 Stelle di Forlì.

“Se per neutralità si intende la condizione di chi non opera e non prende posizione in favore di alcuna delle parti coinvolte in una contesa, allora spiace constatare come non ci stata una vera neutralità. Questo ovviamente non vale per tutti i quartieri ma per molti di essi, come abbiamo potuto constatare nelle numerose assemblee del “Movimento in Ascolto” da noi svolte sul territorio da un anno a questa parte. Ed oltre a questa assenza di neutralità la cosa più grave è che i quartieri di fatto “non funzionano”, la colpa principale di tutto ciò risiede nell’amministrazione comunale che, nonostante la solita propaganda, non ha ancora fornito loro gli strumenti e le risorse necessarie per un adeguato funzionamento.”

“Abbiamo sempre sostenuto l’importanza dei Comitati di quartiere come organismi di partecipazione territoriale per far emergere dal basso istanze, pareri, e progettualità che trovino il necessario ascolto, sia da parte di chi amministra, che da parte di chi rappresenta un’opposizione libera, indipendente e volenterosa di esprimere a pieno il proprio mandato” – ricordano i due pentastellati – “Come riportato nel Regolamento Comunale, il fine Quartieri è quello di rendere partecipe la cittadinanza alle scelte della comunità. Il Comitato di quartiere dovrebbe farsi interprete e promotore dei bisogni del territorio tramite segnalazione delle problematiche emergenti e soprattutto fungere da collegamento tra cittadini e pubblica amministrazione. Tutto questo è stato fatto oppure è rimasto sulla carta?”, è la domanda che Vergini e Benini rivolgono alla cittadinanza.

“A seguito di quanto emerso durante il confronto libero e democratico nell’evento da noi organizzato, nel quale sono state esposte sia le posizioni contrarie che quelle favorevoli, il comitato di quartiere non ha smentito di aver partecipato a riunioni progettuali con i promotori che non sono state comunicate ai residenti, mancando così alla propria funzione. Mentre il comitato attendeva che i tempi “fossero maturi” per i promotori del progetto invece le idee erano già chiare e quelle riunioni le consideravano già operative della fase progettuale. Non ci sembra che questa sia la neutralità di cui dovrebbe essere garante il comitato in quanto una delle due parti era decisamente più informata ed avvantaggiata. Secondo noi informare tempestivamente e con trasparenza i propri cittadini e avere il loro riscontro non è mai controproducente, ma anzi un atto dovuto, utile a chiarire fin da subito eventuali criticità, fraintendimenti o incomprensioni. Se poi aggiungiamo a tutto questo il tentativo operato dall’amministrazione comunale di occultare la petizione inviata al consiglio allora il quadro è completo.”

“Queste ultime polemiche non possono che portarci a ricordare l’esposto fatto al Prefetto nel 2015 da tutte le forze politiche, anche di maggioranza ad esclusione del Pd, in cui si metteva in forte dubbio l’apartiticità dei futuri comitati alla vigilia delle votazioni, seguita dai proclami trionfalistici dell’allora assessore alla Partecipazione Sara Samorì sull’inaugurazione di una nuova stagione di partecipazione popolare, nonostante il flop di meno del 5% dei votanti rispetto agli aventi diritto.”

“Invece di parlare di maltrattamenti, speriamo che gli organi dei quartieri utilizzino questa vicenda in maniera costruttiva come un’occasione di crescita e di consapevolezza delle loro funzioni e soprattutto che non agiscano da “sentinelle dei partiti” ma siano più responsabili nei confronti delle esigenze del proprio territorio”, concludono i pentastellati.