Nuovo regolamento per la concessione degli impianti sportivi: “Giù le mani dallo sport! E’ un tentativo di legare le mani alla futura Giunta!”

sport“Durante il Consiglio di oggi la Giunta vuole approvare il nuovo regolamento per la concessione degli impianti sportivi comunali e per la concessione di contributi e vantaggi economici in ambito sportivo. Un regolamento che pare proprio un “colpo di coda” di un’amministrazione ben consapevole dei rischi delle prossime amministrative!”, scrivono in una nota Simone Benini e Daniele Vergini, consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Forlì. “Si tratta di un regolamento che mette le ganasce allo sport forlivese, ravvisiamo infatti un malcelato intento di consolidare ulteriormente lo strapotere degli Enti di promozione sportiva in questo ambito, a scapito di un trattamento paritario di tutti i soggetti interessati, spianando la strada alla fagocitazione delle associazioni e società sportive non allineate e di fatto sopprimendo il pluralismo”, attaccano i pentastellati.

“Avremmo apprezzato uno sforzo in più, finalizzato al raggiungimento di effettivi e reali miglioramenti della disastrosa situazione in cui versa il mondo dello sport a Forlì, ma evidentemente non era questo l’obiettivo della attuale Giunta. Se approvato questo regolamento limiterà fortemente l’azione della nuova Giunta che si insedierà l’anno prossimo, infatti la durata delle concessioni passa da un massimo di 5 anni a 10 anni e scommettiamo che in questo ultimo anno vedremo molte concessioni decennali, che ingesseranno una situazione su cui invece ci sarebbe molto da lavorare e che il Movimento 5 Stelle vorrebbe invece riportare a condizioni di maggiore trasparenza, equità e meritocrazia. Non riteniamo inoltre costruttiva la rimozione del tetto massimo dell’80% ai contributi per la spesa nelle opere, riteniamo che dei gestori seri abbiano l’obbligo di contribuire almeno parzialmente alle migliorie degli impianti“, spiegano i consiglieri 5 Stelle.

“Vogliamo infine sottolineare come ancora una volta la giunta Drei e la sua maggioranza abbiano svilito le funzioni delle commissioni, lasciandoci pochi giorni per lo studio di una proposta di regolamentazione di un mondo vasto e complesso senza alcuna possibilità di contribuire al testo. Chiederemo in conferenza dei capigruppo ed in consiglio di ritirare il regolamento e lasciare che sia la prossima consiliatura a decidere le nuove regole per la concessione degli impianti sportivi dopo un accurato ed approfondito dibattito in commissione. Qualora la nostra richiesta non venisse accolta, invitiamo le opposizioni e le persone di buon senso nella maggioranza a non approvare questo regolamento: il consiglio comunale dovrebbe essere luogo di dibattito, non di mera ratifica”, concludono Benini e Vergini.

AGGIORNAMENTO DEL 25/7/2018: REGOLAMENTO IMPIANTI SPORTIVI, LA NOSTRA PROTESTA CONTRO IL “COLPO DI CODA” DEL PD
Abbiamo presentato 50 emendamenti al nuovo regolamento sugli impianti sportivi proposto dalla Giunta, siamo stati seguiti dalla Lega che ne ha presentati altri 40. Il consiglio è terminato alle 2:30 di notte, a memoria storica non era mai avvenuto nulla del genere nel Consiglio comunale di Forlì. La nostra azione di protesta è dovuta all’ennesimo atto autoritario di questa giunta che ha presentato un regolamento che “legherà le mani” alle futura giunta che si insedierà nel 2019 poichè permette concessioni della durata di 10 anni e oltre. Veramente incomprensibile il rifiuto da parte della giunta di rinviare l’approvazione del regolamento a dopo l’estate per garantire un approfondimento. Un vero e proprio “colpo di coda” del Pd che pare proprio volto a “blindare” la rete di clientele del partito di maggioranza prima delle elezioni. I nostri emendamenti, tutti bocciati, erano comunque tutti nel merito e volti a migliorare un regolamento veramente mal fatto, come mai tutta questa fretta di approvare a fine luglio un regolamento che era inalterato da 25 anni?!

qui gli emendamenti proposti

Nel seguente video i retroscena di quanto è successo:

Qui i nostri interventi in consiglio:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*