La consigliera assenteista di Forza Italia salvata da un voto bipartisan. M5S: “Un affronto alla meritocrazia ed al rispetto delle regole”

“Abbiamo provato molta amarezza nel vedere i rappresentati della vecchia politica forlivese (Pd e Forza Italia) arrampicarsi sugli specchi e votare compattamente contro la decadenza della consigliera Beatrice Bertaccini di Forza Italia che aveva partecipato nel 2017 a soli 5 consigli comunali sui 31 totali”, scrivono i consiglieri comunali Daniele Vergini e Simone Benini del Movimento 5 Stelle di Forlì. “Lo statuto comunale prescrive che dopo 3 assenze ingiustificate il consiglio debba valutare la decadenza ma, a parte alcuni consiglieri che sono usciti e non hanno partecipato al voto, tutti gli altri 20 hanno votato compattamente contro la decadenza, a favore solo noi 2”.

“Un affronto a chi, come noi, si impegna quotidianamente, studia le carte, presenta mozioni, interrogazioni, emendamenti al bilancio e resta a “lottare” fino al termine di tutti i consigli comunali mentre il resto dell’opposizione spesso “smobilita” quando si avvicina l’ora di cena – attaccano i pentastellati – oggi invece si è certificato che è perfettamente normale per un consigliere avere altri impegni e non partecipare nemmeno alle sedute per un anno, è inaccettabile!”

“Ma, mentre quello della maggioranza è stato spudoratamente un voto di convenienza politica, infatti fa loro sicuramente molto comodo che l’opposizione abbia un voto in meno, quello che ci ha lasciati allibiti è stata la scarsa serietà di Forza Italia e del Centro Destra, che hanno fatto le barricate per difendere la loro collega assenteista! Immaginiamo la felicità dei loro elettori nell’apprendere di aver mandato in consiglio una persona che per un anno non si è mai vista perchè aveva altri impegni…”, ironizzano Vergini e Benini. “Di sicuro è stato molto irresponsabile permettere alla consigliera di essere assente per un anno, ignorando il fatto che non stava assolvendo al mandato elettorale affidatole dai cittadini che l’avevano votata. Ci chiediamo con quale faccia il Centro Destra si presenti come alternativa al Pd quando giustifica tali comportamenti poco seri”, concludono i consiglieri 5 Stelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*