Il sindaco Drei ha mentito sul documento della Corte dei Conti, ci sono le prove!

Drei bugiardo bugiardoIl sindaco di Forlì Davide Drei ha mentito all’intero consiglio comunale in merito alla bocciatura da parte della Corte dei Conti del Piano di razionalizzazione delle società pubbliche partecipate. A lanciare l’accusa è il MoVimento 5 stelle di Forlì.

“Durante l’approvazione del bilancio di previsione avevamo criticato il sindaco per aver tenuto nascosto ai consiglieri un documento della Corte dei Conti che bocciava il piano di razionalizzazione delle società partecipate del Comune di Forlì. Drei nei giorni successivi ci accusò di aver “diffuso informazioni parziali e non veritiere”. Ebbene, oggi possiamo esibire le prove che il sindaco ha mentito a noi, al consiglio e quindi all’intera città!”: affermano in una nota i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle Daniele Vergini e Simone Benini

“Da quanto risulta sul protocollo informatico il documento, indirizzato al Sindaco Drei ed al Presidente del Consiglio Comunale Paolo Ragazzini, era stato ricevuto il 31 gennaio – circa 2 settimane prima dell’approvazione del bilancio – eppure nessuno dei due si era minimamente degnato di comunicarlo ai Consiglieri. Il sindaco addirittura era arrivato a dire nella seduta del consiglio del 14 febbraio che “il documento non gli era ancora stato comunicato”. Ma sul sistema informatico del Comune risulta esattamente l’opposto, compresa la presa visione da parte dello stesso sindaco in data 1° febbraio!”: sottolineano i consiglieri pentastellati.

“E se il sindaco ha mentito su questo documento chissà in quanti altri casi politico-amministrativi può essere successo. Dunque, logica vorrebbe che sindaco e presidente del consiglio dopo essere stati “smascherati” così platealmente facessero un passo indietro… ma siamo purtroppo perfettamente consapevoli di come l’attaccamento alla poltrona prevarrà anche questa volta”: ironizzano Vergini e Benini.

“Dobbiamo purtroppo rilevare come quello di tenere nascoste le cose ai consiglieri sia il costante modus operandi di questa amministrazione – rimarcano i consiglieri comunali del M5S – è successo troppe volte perchè sia un caso, si tenta deliberatamente di tenerci all’oscuro è ciò denota la mancanza di collegialità fra giunta e consiglio e all’interno delle stesse funzioni assembleari. Ancora più preoccupante, il comportamento del Presidente del Consiglio Comunale, Paolo Ragazzini, che dovrebbe tenere informati i consiglieri invece che nascondere loro informazioni importanti”, rimarcano i due pentastellati.

“Intanto, si avvicina la data del 23 marzo entro la quale la giunta dovrebbe presentare un nuovo Piano di razionalizzazione delle società pubbliche partecipate che tenga conto dei rilievi della Corte dei Conti. Ma dubitiamo fortemente che questa giunta, sempre più in affanno, riuscirà a trasmettere e comunicare al Consiglio Comunale, tutti i documenti utili, permettendo così ai consiglieri di tutti i partiti di espletare al meglio il loro mandato”: concludono i consiglieri del M5S Vergini e Benini.

lettera

protocollo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*