HERA, il Comune e l’inceneritore

In ambito rifiuti, il rapporto tra Hera ed il nostro Comune appare viziato da una serie di evidenti conflitti a cominciare da quello tra le due società di HERA: Hera spa, gestore dell’inceneritore ed Hera Ambiente srl, gestore del servizio raccolta e trattamento rifiuti.
A proposito di questa evidente incongruità, l’assessore Bellini ha dichiarato alla stampa che la causa del rallentamento nella raccolta differenziata a Forlì era da collegarsi direttamente all’aumento dei costi sostenuti da HERA; solo nei giorni successivi, dopo una risposta non certo conciliante di Hera, lo stesso Assessore si è affrettato a rettificare le precedenti dichiarazioni, aumentando nei cittadini interrogativi e sospetti!
Se l’assessore Bellini non ha il coraggio di affermare che a Forlì la raccolta differenziata non è stata portata a termine per colpa degli ostacoli posti da HERA, allora il Movimento 5 stelle ne prende volentieri il testimone denunciando chiaramente la cosa.
E’ chiaro a tutti come Hera guadagni con l’incenerimento dei rifiuti e come la raccolta differenziata, faccia diminuire, assieme alla quantità del prezioso combustibile, anche la produzione di energia elettrica ed i conseguenti incentivi ad essa legati. Questo è il punto chiave che spiega il parziale fallimento del progetto rifiuti di questa amministrazione.
D’altronde, anche nel caso specifico della produzione di energia dai rifiuti siamo di fronte ad altri interessi poco chiari legati al famoso decreto Bersani (D.Lsg.n.79 – 16/3/99) dove, “furbescamente”, si paragonano gli inceneritori a fonti di energia rinnovabile, attirando sull’Italia gli strali dell’Europa. E’ proprio questa legge targata PD che impone la costruzione degli inceneritori a tutti i costi.
Ricordiamo che la giunta del Sindaco Balzani aveva minacciato la creazione di una società pubblica per far ritornare la città proprietaria del proprio rifiuto; una società “in house” che, come risulta da fonti del Comune stesso, sarebbe già progettualizzata e potenzialmente operativa.
il Movimento 5 Stelle Forlì vuole ricordare ai cittadini che il rifiuto opportunamente trattato è una risorsa di proprietà del Comune, che può creare posti di lavoro sul territorio. Le città che hanno deciso di riciclare sono numerosissime e le esperienze tutte positive!
Gli inceneritori richiedono molto capitale, poca mano d’opera e paradossalmente producono altri rifiuti (ceneri e scorie) che devono essere a loro volta smaltiti come rifiuti speciali e pericolosi. Mentre la raccolta porta a porta e la differenziata spinta (con la tariffa puntuale), invertendo completamente l’equazione, creano molti posti di lavoro (risorse umane) con poco capitale (mezzi ed immobilizzazioni).
L’anacronistica strada dell’incenerimento dei rifiuti, oltre ad un ampiamente provato danno ambientale (con l’allarmante accumulo, anno dopo anno, di veleni nei terreni agricoli!), produce quindi di fatto una immediata sterilizzazione sul nascere di ogni piccola iniziativa imprenditoriale locale volta al settore recupero/riciclo (in forte espansione invece in altre parti d’Italia e nel mondo!). Le poche ditte presenti nel territorio sono infatti spesso costrette ad importare i rifiuti già differenziati da fuori Regione.
Se alle prossime elezioni amministrative i cittadini forlivesi lo premieranno con la maggioranza dei voti, il M5S si impegna a mettere al primo punto di qualsiasi decisione in campo ambientale la salute dei cittadini, ad iniziare dall’applicazione del “principio di precauzione” (stabilito dall’ art. 301, secondo comma, d.lgs. 152/2006 derivante dall’art. 174, paragrafo 2, Trattato CE), anche a scapito degli interessi di società per azioni il cui unico scopo è invece il profitto ad ogni costo. Gli obiettivi che vogliamo raggiungere nei prossimi 5 anni sono la riduzione dei residui (rifiuti rimasti dopo la differenziazione e il recupero) al di sotto di 100 kg per abitante e la definitiva chiusura degli inceneritori, a cominciare da quello di Forlì.

Movimento 5 Stelle Forlì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*