Gettoni, situazione fuori controllo, inaccettabili pressioni, chiediamo un incontro al Prefetto

gettone peruzzini piraccini

il consigliere di maggioranza Peruzzini (a sinistra nella foto) ha chiesto le dimissioni della segretaria generale Piraccini (a destra nella foto), in mezzo il sindaco Drei e il “gettone della discordia”

Lo stop al recupero dei circa 96.000 euro di gettoni indebitamente erogati, richiesto a gran voce da tutte le forze politiche tranne, ovviamente, il Movimento 5 Stelle, ha veramente dell’incredibile”, è l’esternazione che si legge in una nota di Daniele Vergini e Simone Benini, consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Forlì

“Ma la cosa ancor più incredibile sono le fortissime pressioni, al limite dell’intimidazione politica, esercitate nei confronti della segretaria generale Lia Piraccini e dell’avvocatura comunale rappresentata da Lorenzo Paganucci. Pressioni indebite provenienti da tutte le forze politiche, ed in particolare dal consigliere di maggioranza Mario Peruzzini che ne ha chiesto le dimissioni, nel tentativo di imporre una marcia indietro sul recupero delle somme, una inaccettabile “invasione di campo” in palese conflitto d’interessi dei partiti in prerogative meramente amministrative, oggetto di precisi obblighi di legge ribaditi più volte da Corte dei Conti, Ministero dell’Interno, Consiglio di Stato e Anci”, accusano Vergini e Benini.

“La situazione pare ormai fuori controllo, abbiamo quindi intenzione di chiedere un incontro al Prefetto per informarlo direttamente sulle indebite pressioni esercitate da alcuni politici sul Segretario Comunale che, lo ricordiamo, è figura indipendente e garante della legalità dell’azione amministrativa. Tali pressioni muovono inoltre in verso opposto a quanto più volte è stato disposto dal Ministero dell’Interno, chiederemo quindi al Prefetto, che ne è il rappresentante locale, di sensibilizzare la Giunta comunale al fine di non ostacolare il recupero, nemmeno con azioni dilatorie come la richiesta di ulteriori pareri, del tutto superflui vista la copiosa letteratura in merito”, dichiarano i pentastellati.

“Non sprechiamo, infine, molte parole sulle farneticazioni pseudo-giuridiche del consigliere Ragni di Forza Italia, ci limitiamo a dire che sono destituite di ogni fondamento giuridico, basti vedere il dettagliato parere dell’avvocatura comunale che ricalca al 100% la nostra posizione e, lo sottolineiamo, ciò non avviene certo per vicinanza politica, ma semplicemente perchè i dirigenti comunali sono obbligati a recuperare le somme o potrebbero essere passibili di danno erariale.”

“A tutte le forze politiche presenti in consiglio chiediamo più serietà, si restituisca quanto dovuto senza tante storie, quantomeno per rispetto dei cittadini quotidianamente vessati da situazioni simili che non hanno certo la possibilità, come i politici, di lamentarsi quotidianamente sui giornali”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*