Gettoni illegittimi, continua il “piagnisteo” della politica. Si riporti il dibattito sulle cose serie: come impiegare la cifra recuperata

Dal vocabolario italiano: “Piagnisteo: pianto insistente e uggioso”.

“Avevamo chiesto la cortesia di risparmiarcelo… ma puntualmente il piagnisteo è arrivato da parte di numerosi politici locali!” ironizzano in una nota i Consiglieri Comunali Daniele Vergini e Simone Benini del Movimento 5 Stelle di Forlì. “E non sono bastati gli insulti sul piano personale da noi ricevuti durante la discussione in consiglio comunale per aver chiesto semplicemente di ripristinare la legalità, ma come sempre si persevera nel tentare di gettare fumo negli occhi dei forlivesi distorcendo le nostre parole, ed in particolare sono due le parole a noi attribuite che proprio non ci vanno giù: “soldi rubati”, mai è stato detto questo né in consiglio né in comunicati stampa, e chi sostiene il contrario è evidentemente un mistificatore. Noi abbiamo semplicemente chiesto di applicare la Legge vigente, come il Comune avrebbe fatto per qualunque altro cittadino, o forse qualche politicante pensava di essere al di sopra delle leggi nazionali? Questi “pianti” a mezzo stampa sono francamente inaccettabili soprattutto per rispetto di chi magari riceve una cartella di Equitalia e non fa certamente tutte queste storie!”, attaccano Vergini e Benini

“Piuttosto riteniamo che il dibattito pubblico si dovrebbe più seriamente concentrare su come impiegare questa ingente somma di denaro che sarà recuperata unicamente grazie all’interessamento del M5S, dovrà inevitabilmente essere fatta una variazione di bilancio e noi interrogheremo il sindaco Drei già nel consiglio di martedì per sapere se intende accettare la nostra proposta di impiegare i soldi recuperati in un fondo per la spesa corrente delle scuole”, insistono i pentastellati.

“Rispediamo poi al mittente anche tutte le accuse di demagogia e populismo, di certo non accettiamo critiche dal “demagogo” Rondoni che si fa fotografare in prima pagina sul Corriere con un euro in mano, rendendo ancor più difficile ai cittadini distinguere la differenza fra un politico e un comico. Alla consigliera Casara chiediamo la cortesia di non tediare la stampa con le sue questioni tributarie, all’ordine del giorno di ogni normale cittadino, di cui forse dovrebbe parlare privatamente con il suo commercialista. Alla “distratta” Pirini che chiede “perchè non ci sono stati adeguati controlli?” chiediamo perchè invece non se ne è accorta lei nel suo precedente mandato consiliare di 5 anni. Auguriamo poi buona fortuna alla battaglia legale annunciata dall’avvocato Gugnoni che si è esibito in un sproloquio in lingua “legalese”, sono sicuramente queste le battaglie che interessano i cittadini… continui pure così! Al simpatico Sgabanaza che si chiede “perchè la retroattività?” rispondiamo che è la Legge a prevederlo, come per qualunque altro cittadino, e lui come ex assessore avrebbe dovuto saperlo. Al consigliere “voltagabbana” Avolio, che ha più volte proposto di aumentare l’importo del gettone di presenza, diciamo solo che siamo contenti se ne sia andato quasi subito al gruppo misto, di certo non rappresentava il M5S. E infine al Pd che si affretta a gettare acqua sul fuoco asserendo che “i gettoni erano regolari” chiediamo allora di spiegare ai cittadini come mai hanno votato a favore della rimozione degli stessi.”

“Infine alcune precisazioni: differentemente da quanto affermato da un ex consigliere noi non abbiamo mai “versato somme al gruppo consiliare” e anzi non abbiamo mai speso nemmeno un euro dei fondi dei gruppi consiliari, ricorrendo sempre per tutte le nostre iniziative politiche all’autofinanziamento dei nostri simpatizzanti senza gravare sul bilancio pubblico. Inoltre restituiremo ovviamente al più presto le somme che sono state richieste anche a noi per i gettoni illegittimamente erogati (e si badi bene: non illegittimamente percepiti da nessuno, non lo abbiamo mai affermato). E avremo cura di informare i cittadini se qualche collega non farà altrettanto.”, concludono Vergini e Benini.

Di seguito alcuni articoli “piagnisteo” apparsi sulla stampa locale:

Aggiornamento ore 19:00:

Alla scuola elementare Bersani dei genitori di alunni hanno fatto una encomiabile opera di volontariato imbiancando i muri ingialliti dal tempo dell’aula dei loro figli! Noi vorremmo che i 100.000 euro recuperati dai gettoni erogati illegittimamente ai consiglieri andassero in un apposito fondo per finanziare opere come queste nelle scuole! Non è più accettabile che le nostre scuole pubbliche si reggano sulla buona volontà e i contributi economici aggiuntivi dei genitori. Le Isitituzioni devono garantire un ambiente degno e vivibile ai nostri ragazzi!

bersa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*