Caso Spese Legali, la Procura di Forlì: ”eccesso di potere, gestione superficiale e poco oculata della cosa pubblica”. Benini e Vergini chiedono le dimissioni di Drei

“Il recente azzeramento della giunta del comune di Forlì avvenuto poche ore dopo l’annuncio di una nostra conferenza stampa sugli sviluppi della spinosa vicenda delle spese legali extrabilancio, non ci sembra affatto una coincidenza. Solo pochi giorni fa il Tribunale di Forlì, per mano del Gip aveva archiviato l’esposto da noi presentato sulle spese legali extrabilancio del Comune di Forlì, i magistrati inquirenti però, pur non riconoscendo il reato di abuso d’ufficio per il quale avevano indagato, hanno confermato alcuni dei rilievi che più volte noi avevamo pubblicamente illustrato nelle sedute del Consiglio. Quindi il nostro giudizio politico, estremamente negativo, rimane e anzi ne esce rafforzato perchè non c’è sicuramente bisogno di arrivare alla conclamazione del reato per prendere atto di una condotta politicamente inaccettabile sotto gli occhi di tutti perchè contraria al buon senso ed alla virtù amministrativa. A nulla serve l’azzeramento di giunta annunciato in estremis poche ora fa dal Sindaco nel tentativo di ‘ripulirsi’, la responsabilità è in primis la sua per aver nominato una giunta che non è stata in grado di amministrare correttamente la cosa pubblica”: questo il commento dei consiglieri comunali del M5S di Forlì Daniele Vergini e Simone Benini che chiedono a gran voce le dimissioni del primo cittadino.

E i due pentastellati sottolineano numerosi spunti presenti nell’atto di archiviazione che evidenziano la gravità dei fatti esposti, la Procura scrive infatti che: “la gestione del conferimento degli incarichi legali (con prevalenza nella scelta di due principali avvocati rispetto ad altri), la mancata presentazione di note proforma per lunghissimi tempi (a volte anche anni, al limite della prescrizione decennale), nonché il mancato accantonamento (prudenziale) a bilancio delle somme che i legali avrebbero comunque richiesto per l’espletamento dei loro incarichi, denota una gestione eccessivamente superficiale e poco oculata della cosa pubblica”.

Un comportamento “aggravato dal fatto che per molti anni tali condotte sono state poste in essere principalmente dal Dirigente del Settore Affari Generali e Risorse Umane (La Forgia, ndr) ma comunque in piena sintonia con l’Ufficio Ragioneria e con la giunta comunale di volta in volta in carica, in quanto la situazione era ben presente a ciascun protagonista della scena amministrativa e politica e della stessa nessuno si è mai fatto carico, se non quando è stata imposta la ricognizione della situazione debitoria”.

“E’ la stessa Procura a sottolineare come i sindaci e le varie giunte comunali fossero al corrente della situazione debitoria che si andava ad aggravare di anno in anno. E c’è una dichiarazione dello stesso La Forgia che ci lascia di stucco”: aggiungono Benini e Vergini riportando un passaggio della testimonianza del dirigente comunale che, ascoltato dai magistrati come “persona informata dei fatti”, dice: “Posso affermare di non essere stato mai sollecitato dalla ragioneria, né dai revisori né dall’assessore al bilancio a richiedere le parcelle. Anzi, sono stato velatamente invitato a non accelerare la liquidazione delle parcelle. Posso dedurre che il motivo sia legato alle difficoltà della gestione finanziaria del Comune”.

“E questo politicamente è sufficiente per ribadire che Emanuela Briccolani, assessore al Bilancio ed alle Finanze del Comune di Forlì da più di 7 anni, non poteva non sapere come venissero gestiti i soldi pubblici e non poteva non conoscere la condotta posta in essere dal dirigente La Forgia. E assieme all’assessore al bilancio anche la giunta ed al sindaco hanno omnesso di vigilare e informare correttamente il consiglio comunale, che negli anni, ignaro, ha approvato bilanci che non erano pienamente veritieri”: annunciano gli esponenti del M5S di Forlì Daniele Vergini e Simone Benini.

“E’ inoltre un fatto acclarato, e non più solo una nostra opinione, come il consiglio comunale sia stato di fatto esautorato nelle sue prerogative dall’accordo firmato da La Forgia con i 2 avvocati un istante prima di informare i consiglieri del debito fuori bilancio, una azione definita come un “eccesso di potere” (anche se non un reato penale) con il quale il dirigente ha “blindato” il debito e spinto in pressing i consiglieri a legittimarlo lasciando loro meno di 24 ore di tempo a disposizione per comprendere le carte. Viceversa, se per qualsiasi motivo il consiglio comunale non avesse riconosciuto la legittimità del debito entro il 31 luglio 2015 il dirigente avrebbe rischiato di dover pagare di tasca sua il milione e mezzo dovuto ai legali che avevano prestato servigi all’amministrazione comunale. A nostro parere il Consiglio è stato letteralmente preso in giro e svuotato del proprio ruolo”: aggiungono Daniele Vergini e Simone Benini che riportano il virgolettato integrale della Procura di Forlì: “l’aver sottoscritto tali contratti solo alcuni giorni prima della seduta del Consiglio Comunale nel quale si sarebbe dovuta approvare la delibera del riconoscimento della legittimità del debito fuori bilancio ha di fatto esautorato i poteri dell’organo collegiale ed ha esorbitato i poteri di istruttoria previsti in capo al dirigente del Settore Affari Generali”.

Inoltre sempre nell’atto di archiviazione si legge, in merito all’accordo fra La Forgia e l’avvocato Mario Di Giovanni, dello studio legale di Roberto Pinza, presidente della Fondazione Carisp, che si è trattato di un “accordo certamente vantaggioso per l’ente comunale” ma che “tuttavia, costituisce una pietra tombale sia in relazione alla sussistenza ed esigibilità di alcuni crediti sia in merito alla congruità del quantum richiesto”, mentre il dirigente “si sarebbe certamente dovuto limitare a far emergere i presupposti di utilità ed arricchimento che all’ente sono derivati dalla prestazione dei servizi legali”. Rimane inoltre irrisolto l’interrogativo posto dalla stessa Procura: il perché i legali negli anni “non avessero mai emesso neppure note proforma al fine di sollecitare il pagamento del corrispettivo per la prestazione elargita, arrivando al limite della prescrizione del diritto di credito vantato proprio nei confronti dell’ente comunale”.

Infine il M5S di Forlì evidenzia come anche la Procura abbia rilevato la “assenza di qualsiasi utilità” del famoso parere pro-veritate, costato alla collettività ulteriori 13.688 euro, commissionato dalla segretaria Lia Piraccini ai due legali Taroni e Masetti del foro di Ravenna, dopo il rifiuto dell’Ordine degli avvocati di Forlì-Cesena. “Perchè sono stati spesi questi soldi per un parere del tutto inutile?” – incalzano i pentastellati – “in commissione a nostra domanda diretta lo stesso avvocato Taroni, che lo aveva redatto, ammise che questo parere non aveva alcun rilievo giuridico! Quindi perchè si è scelto di spendere altri soldi pubblici inutilmente?”

“Il pasticcio amministrativo, ormai confermato anche dalle osservazioni della Procura, è sotto gli occhi di tutti”: insistono i consiglieri comunali del M5S: “ricordiamo che noi uscimmo dall’aula in segno di protesta per non legittimare anche a futura memoria questo modo di gestire la cosa pubblica che ha messo a nudo l’incapacità politica degli amministratori e della struttura burocratica che nel tempo ha sorretto i medesimi.
E a questo punto ci domandiamo: perché il Comune non ha chiesto conto dell’eccesso di potere di La Forgia nell’aver stipulato accordi senza preventivi riscontri di congruità e legittimità? Perché in autotutela la giunta Drei non ha ancora chiesto l’annullamento d’ufficio degli atti amministrativi viziati di eccesso di potere così come indicati dalla Procura visto che non sono ancora passati 18 mesi entro i quali questo può essere fatto?”: sono le domande finali che i consiglieri comunali del M5S di Forlì Daniele Vergini e Simone Benini pongono al sindaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*