Il nostro videomaker completamente scagionato dall’accusa di diffamazione del gestore della Piscina. E ora vogliamo sapere se è vero che il Comune non applica le penali per le inadempienze contrattuali!

Roberto“Il Tribunale di Forlì mette la parola fine al becero tentativo di intimidire e tappare la bocca al MoVimento 5 Stelle”, si legge in una nota stampa di Daniele Vergini e Simone Benini, consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Forlì. “Rigettata l’opposizione all’archiviazione della denuncia presentata da Maurizio Mancini, presidente di Piscinae srl gestore della piscina comunale di Forlì ed ex capogruppo del PD di Cesena, che aveva querelato Roberto Quarneti per diffamazione aggravata per uno dei tanti video satirici di denuncia politica che il nostro videomaker pubblica abitualmente su Facebook che riguardava proprio la piscina comunale”.

Il video riportava la lettura in Consiglio da parte del pentastellato Vergini di un provvedimento dei Vigili del Fuoco di Forlì che, pur giacendo reperibile negli archivi comunali, sembrava essere stato “dimenticato” da chi governa la città, un documento dove si contestava al gestore della piscina una serie di irregolarità: “alcuni estintori mancanti, alcune uscite di sicurezza di difficoltosa apertura o completamente bloccate, mancata funzionalità di alcune lampade di emergenza”.

“Il signor Mancini – continuano i pentastellati – invece di intentare improbabili querele, dovrebbe piuttosto stare più attento a rispettare i contratti perchè, a quanto ci è stato riferito, il personale comunale avrebbe accertato numerose altre inadempienze ed irregolarità gestionali rispetto a quanto previsto dal disciplinare di concessione della piscina. E anche la commissione consiliare di vigilanza avrebbe determinato la contestazione di due gravi sanzioni, sotto forma di penali, relative alla carenza nella gestione del servizio di salvataggio durante la fruizione degli spazi da parte dell’utenza libera, e l’eccesso di cloro nelle varie vasche dell’impianto natatorio che potrebbe aver creato intossicazioni ad alcuni utenti minorenni”.

“Già la settimana scorsa avevamo depositato un’interrogazione urgente, rinviata dalla Giunta per “approfondimenti”, dove chiedevano per quale motivo il Comune pare non aver applicato le penali previste! Per quale motivo si continua a proteggere e “graziare” chi non rispetta i contratti?”, è l’affondo finale di Vergini e Benini.

“Riteniamo inaccettabili queste “singolari connivenze”, da noi rilevate in più settori, tra chi ha in gestione i beni pubblici ed il partito al governo della città, che evidentemente considera la tessera politica come un requisito indispensabile per l’ottenimento di appalti e incarichi e per un benevolo atteggiamento in caso di accertate inadempienze”, concludono i pentastellati.

 

Resoconto Consiglio Comunale n°108 del 15 maggio 2018

Ordine del giorno e delibere
Principali voti ed interventi del M5S nel Consiglio Comunale in ordine cronologico

DELIBERA LOTTO 1 E 2 POTENZIAMENTO VIA EMILIA
voto M5S in consiglio: astenuto
esito: approvato

è intervenuto il consigliere Daniele Vergini

DELIBERA SU VARIAZIONE REGOLAMENTO SERVIZI PER LA SCUOLA
voto M5S in consiglio: astenuto
esito: approvato

DELIBERA REGOLAMENTO CONSULTA UNIVERSITARI
voto M5S in consiglio: favorevole
esito: approvato

è intervenuto il consigliere Daniele Vergini

Si ringrazia Roberto Quarneti per le riprese video

 

Canile comprensoriale senza convenzione con le associazioni animaliste. M5S: “Giunta insensibile al tema del benessere animale, non fa nemmeno applicare le proprie regole”

canile“Spiace, dopo la vicenda dei conigli del parco, dover tornare nuovamente a criticare l’Amministrazione su tematiche relative alla gestione degli animali ma siamo venuti a conoscenza di un altro fatto grave che riguarda questa volta il canile comprensoriale”, si legge in una nota a firma di Daniele Vergini e Simone Benini, consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Forlì. “A quanto ci risulta la cooperativa For.B, attuale gestore del canile, è carente da gennaio della necessaria convenzione con una o più associazioni animaliste, obbligo espressamente previsto dal disciplinare di gestione”.

“Le associazioni animaliste convenzionate – spiegano i consiglieri 5 Stelle – dovrebbero essere incaricate, ai sensi anche della della Legge Regionale, di verificare la cura del benessere animale nella struttura e la correttezza delle operazioni di adozione. Ma, a quanto pare, al Comune e all’assessore Samorì questo non interessa e preferiscono chiudere non uno ma entrambi gli occhi di fronte ad una palese inadempienza alle regole che erano state previste dalla stessa Amministrazione comunale”

“Rileviamo inoltre anche un’altra evidente inadempienza: la mancata realizzazione della “pensione per cani” che era uno dei punti principali per aggiudicarsi il bando di gestione nel 2012, la struttura mai costruita ma che si sarebbe dovuta realizzare entro il 2013, doveva essere destinata ad accogliere temporaneamente i cani dei cittadini che avessero avuto questa esigenza (ad esempio in occasione delle ferie) e doveva essere una risorsa contro l’abbandono ma anche una fonte di reddito aggiuntivo per compensare le spese del canile, ci chiediamo per quale motivo anche in questo caso il Comune abbia fatto finta di nulla quando la mancata realizzazione della pensione era espressamente specificata come causa di risoluzione del contratto, perchè il Sindaco non ha diffidato il concessionario ad adempiere come previsto dal disciplinare?”, attaccano i pentastellati.

“Infine, visto che entro fine anno dovrà essere predisposto il nuovo bando per la nuova gestione, sottolineiamo un’altra anomalia del canile di Forlì, che assieme a quello di Ravenna sono gli unici della zona ad essere gestiti direttamente da cooperative, con le associazioni animaliste poste in posizione “gregaria”. Al contrario se guardiamo i canili dei vicini comuni di Cesena, Cervia, Rimini, Riccione e Lugo troviamo una situazione capovolta: la gestione è in carico direttamente alle associazioni, mentre le cooperative forniscono la mano d’opera, una impostazione che riteniamo migliore sia dal punto di vista del benessere animale che da quello economico, senza dimenticare che anche le Leggi nazionali prevedono che i canili debbano essere concessi prioritariamente alle associazioni o agli enti aventi finalità di protezione degli animali. Per questo motivo chiediamo a Sindaci ed alle Giunte comunali che delibereranno il nuovo bando di seguire la normativa alla lettera mirando ad affidare il canile ad una associazione (o gruppo di associazioni) che conoscano le reali esigenze degli animali e pensino al miglioramento della struttura muovendosi nell’unico interesse del benessere degli animali. Di certo così farebbe una giunta 5 Stelle”, concludono Vergini e Benini.

 

Si va a processo per l’appalto del verde, M5S: “Ritagliare gli incarichi su misura pare essere un’abitudine della maggioranza al governo della città”

drei-zanettiE’ di oggi la notizia che è stato chiesto il processo per l’ex vicesindaca Veronica Zanetti e per il direttore generale Vittorio Severi, per la vicenda dell’appalto del verde, l’udienza preliminare è fissata per il 9 maggio. A quanto si legge dai giornali pare che secondo l’accusa dei PM l’incarico esterno al professionista Giovanni Morelli, vicino alla Zanetti, sarebbe stato “ritagliato su misura”.

“Constatiamo purtroppo e con dispiacere che il ritagliare su misura gli incarichi ai propri amici di partito pare essere un’abitudine di questa maggioranza (sia prima che dopo il rimpasto di giunta)”, è l’esternazione a caldo dei consiglieri comunali 5 Stelle Daniele Vergini e Simone Benini. “Si vedano le numerose situazioni simili da noi sollevate come l’incarico esterno attribuito direttamente dai politici al capogruppo del Pd Nicola Dall’Olio, per il quale è indagata tutta la giunta, ma anche altre vicende “borderline” come gli incarichi esterni per 52.000 euro affidati alla cognata dell’assessore Francesca Gardini, e numerose altre vicende sospette relative ad altri incarichi forniti a persone che hanno ruoli politici nel Pd. Al di là del fatto che tali condotte siano perseguibili penalmente oppure no, resta il fatto che siano estremamente inopportune e immorali per chi dovrebbe gestire la cosa pubblica con imparzialità. Questo purtroppo è il panorama attuale della politica forlivese… ma una cosa è certa: se i cittadini forlivesi daranno fiducia al M5S alle prossime elezioni amministrative le cose cambieranno eccome, nel nostro programma sarà infatti presente la modifica dei regolamenti comunali per garantire una maggiore imparzialità e meritocrazia nell’affidamento di incarichi e appalti”.

“Ricordiamo infine che nel 2016 anche noi avevamo fatto un breve esposto sulla vicenda dell’appalto del verde per segnalare alcune anomalie in merito e speriamo che finalmente ci venga spiegato perchè, a meno di un mese dall’apertura della busta dell’appalto, fu modificata la composizione della commissione giudicatrice con una delibera di giunta… e riteniamo che il sindaco e tutti gli assessori, non solo la Zanetti, debbano dare spiegazioni”, concludono i pentastellati.

Di seguito il video delle domande poste in consiglio nel 2016 alle quali non fu data risposta.